CORDIS la moneta complementare: cos’è e che vantaggi può portare?

Questo focus vuole approfondire il tema legato al circuito commerciale locale , cos’è e che vantaggi offre alle imprese in un’ottica di sviluppo innovativo dei servizi.  Si parlerà di Moneta Complementare e quali vantaggi può portare.
Ne parliamo con Alberto Fraticelli della società Tre Cuori spa Società Benefit. Continua a leggere

Sportello PID – Confesercenti: per costruire assieme il nostro futuro

Continuano le attività dello Sportello PID Confesercenti, avviate nel 2019, con l’obiettivo di rafforzare la sensibilizzazione e l’orientamento delle imprese nel campo della digitalizzazione.
Sono 8 gli sportelli territoriali aperti all’interno delle sedi Confesercenti di Padova e provincia e dei “temporary PID” attivati nei comuni area dei distretti del commercio non coperti dalle sedi Confesercenti. Continua a leggere

Anva Confesercenti: incomprensibile stop sagre e fiere

“Il nuovo provvedimento che vieta sagre e fiere è incomprensibile, ancora una volta viene colpito pesantemente un settore, quello del commercio ambulante e delle partite iva, già messo a dura prova anche dopo il lockdown e che ha messo in atto, in questi mesi, tutti i protocolli di sicurezza per garantire la salute pubblica ed il lavoro di migliaia di attività, espressione della vitalità e dello sviluppo dei nostri territori”.

Continua a leggere

Nicola Rossi: la misura è colma

Nicola Rossi: la misura è colma, con le nuove limitazioni saranno centinaia le piccole attività del terziario condannate alla chiusura.

Con i provvedimenti di chiusura, limitazioni o sospensioni, si sta probabilmente dando il colpo di grazia a centinaia di piccole imprese e del lavoro autonomo nella nostra provincia, dichiara il Presidente Rossi. Continua a leggere

LA MAZZATA PER LA FILIERA DELLA MEETING INDUSTRY VENETA

Se il Turismo Veneto rappresenta più del 15% del PIL quello relativo al turismo congressuale è quello che sicuramente ha subito uno dei colpi più devastanti e con il DPCM 18 ottobre, che prevede la sospensione di ogni iniziativa congressuale, convegnistica e di eventi, rappresenta la mazzata finale. Continua a leggere

LIMITAZIONI PER GLI ESERCIZI DI RISTORAZIONE

–Attenzione, gli esercenti sono tenuti ad esporre all’ingresso del locale un cartello che riporti il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente nel locale medesimo,  sulla base dei protocolli e delle linee guida vigenti. Di seguito il cartello che potete scaricare o richiederci via mail in formato pdf. — Continua a leggere

Sintesi nuovo DPCM in vigore da oggi

Breve resoconto delle nuove misure restrittive illustrate dal Presidente Conte durante la conferenza stampa di ieri sera 18 ottobre 2020.

  • I sindaci potranno disporre la chiusura al pubblico dopo le 21 di vie e piazze dove si creano assembramenti, consentendo accesso solo per abitazioni private ed esercizi commerciali.
  • Dalle ore 5 del mattino a mezzanotte sono consentiti tutti i pubblici esercizi se il consumo è previsto ai tavoli, altrimenti la somministrazione è possibile solo fino alle 18. Le consegne a domicilio sono consentite senza vincolo di orario, l’asporto solo fino a mezzanotte. Nei ristoranti si potrà stare solo fino a 6 persone per tavolo e tutti i ristoratori dovranno affiggere il numero massimo di persone ammesse all’interno in base ai protocolli di sicurezza. Nessuna limitazione di orario è prevista per i servizi di ristorazione negli ospedali, negli aeroporti e lungo le autostrade.
  • Nelle sale gioco e bingo, l’apertura sarà limitata fino alle ore 21.
  • Le attività scolastiche continueranno in presenza. Per le scuole secondarie di secondo grado verranno favorite modalità ancor più flessibili di organizzazione dell’attività didattica, con ingresso a partire dalle ore 9 e se possibile anche con turni pomeridiani. Per le Università è previsto che si attuino piani di organizzazione della didattica in funzione delle esigenze formative e anche dell’evoluzione del quadro pandemico territoriale.
  • Resta vietato lo sport da contatto amatoriale e non sono consentite competizioni e gare dell’attività sportiva dilettantistica di base. Saranno consentite attività in forma individuale e rimane consentita attività sportiva a livello professionistico.
  • Sono vietate sagre, fiere locali, ma restano consentite manifestazioni fieristiche di carattere nazionale e internazionale. Sono sospese tutte le attività convegnistiche e congressuali salvo che si svolgano con modalità a distanza.

Continua a leggere

Principali disposizioni DPCM del 13 Ottobre 2020

– Mascherine portate ovunque: anche per l’attività sportiva

– Pubblici esercizi: lo stop dalle ore 21:00 alla possibilità di consumare in piedi cibo e bevande nei locali e la chiusura degli stessi alle ore 24:00. Divieto di sostare davanti ai bar, ai pub e ai ristoranti dalle 21 alle 6, ma anche nei parchi o per strada e nelle piazze. Divieto di vendere alcolici dopo le 22 e dalle 21 sarà vietato consumare in piedi, quindi potranno continuare a servire i clienti solo i locali che abbiano tavoli al chiuso o all’aperto.

Trattorie, ristoranti, pizzerie che hanno il servizio al tavolo dovranno chiudere alla mezzanotte, mentre i locali che non hanno i tavoli dovranno abbassare la saracinesca alle ore 21. Continua a leggere

AGGIORNAMENTO PROCEDURE COVID PER IMPRESE

SE VUOI ESSERE AGGIORNATO DI TUTTE LE PROCEDURE INERENTI LA TUA CATEGORIA, REGISTRATI GRATUITAMENTE SUL SITO

www.qui6alsicuro.it 

Cartellonistica, FAQ, Corsi di formazione e di aggiornamento inerenti la sicurezza tua e dei tuoi clienti.

Non perdere l’occasione di essere informato. Scopri cosa puoi e devi fare.

Fiepet:COVID, NON CHIUDIAMO LE IMPRESE

Fabio Legnaro, Presidente Fiepet Confesercenti di Padova : “siamo tutti molto preoccupati per i dati che indicano un aumento dei contagi anche nella nostra provincia ma non accettiamo che la soluzione sia la chiusura delle nostre imprese”.

Il settore dei pubblici esercizi: bar, ristoranti, pizzerie, è tra quelli più colpiti dalla crisi covid 19, solo nella nostra provincia nei sei mesi da marzo ad agosto il settore della somministrazione ha perso quasi il 50%, sempre secondo l’Osservatorio Economico di Confesercenti la perdita del settore ammonta ad oltre 91 milioni. Gli oltre 3.700 pubblici esercizi della provincia che hanno riaperto dopo il lockdown non hanno avuto un’impennata di contagi. L’aumento dei contagi è da ricercare in tanti comportamenti personali e in parte anche in alcune comunicazioni sbagliate dalle quali sembrava che il rischio fosse scomparso. Continua a leggere