NUOVO DIRETTORE CONFESERCENTI DEL VENETO CENTRALE

Dal 1 gennaio 2021, Greta Imbrunito è il nuovo Direttore Generale di Confesercenti del Veneto Centrale .

La presidenza dell’associazione, riunitasi a fine dicembre, ha nominato su proposta del presidente Nicola Rossi, Imbrunito quale successore di Maurizio Francescon.

Una scelta importante, ha commentato Rossi, in un momento storico, economicamente difficile ed appesantito dalla grave situazione epistemologica. Credo che l’ottimo lavoro svolto fino ad oggi dal Direttore Francescon andrà ad essere arricchito da questa figura altamente qualificata dal punto di vista tecnico amministrativo, che sarà affiancata da una squadra di sei professionisti interni all’associazione, in modo da rispondere sempre di più alle esigenze delle nostre imprese”.

Continua a leggere

INCONTRO DELLA DIREZIONE CONFESERCENTI CON IL SOTTOSEGRETARIO PIER PAOLO BARETTA

Ieri sera si è tenuto l’incontro tra i dirigenti Confesercenti Veneto ed il Sottosegretario Baretta. Ospite anche il Presidente della Provincia Fabio Bui.

Durante l’incontro, il Presidente di Confesercenti del Veneto Centrale, Nicola Rossi ha ribadito l’importanza di interventi diretti del Governo a favore delle imprese.

La situazione è drammatica per le piccole imprese. I ristori che abbiamo ricevuto sono importanti ma si tratta di importi limitati rispetto alle perdite che la crisi COVID ha causato alla rete diffusa di imprese. Dobbiamo ragionare sull’effettiva perdita confrontando il fatturato 2019 con 2020 e riteniamo opportuno che vada superata la distinzione tra codici ATECO . Inoltre dobbiamo iniziare a parlare di cosa accadrà nel 2021. C’è un rischio impellente che si giunga ad un punto senza ritorno. Un punto dal quale centinaia di piccole imprese saranno nell’impossibilità di ripartire dopo un anno di chiusura imposta o causata. Un punto dal quale ne uscirà perdente non solo il sistema imprenditoriale ma lo stesso sistema economico e sociale del territorio”. Continua a leggere

INCONTRO VICENZA

Il Commercio si sta evolvendo in modo significativo in questo periodo. Noi di Confesercenti del Veneto Centrale vogliamo rafforzare e dare ancora più vigore al commercio di vicinato.
I negozi di Vicenza sono la linfa del tessuto urbano, hanno un valore importante. Nel breve periodo l’Amministrazione Comunale di Vicenza prenderà decisioni importanti per quanto riguarda i parcheggi e la viabilità del Centro Storico Vicentino.
E’ estremamente importante portare la voce di chi, come voi, ogni giorno si raffronta con questa tematica.
Confersercenti vuole affrontare con Lei questo argomento, ascoltare la Sua opinione.

Continua a leggere

Vicenza: richiesti chiarimenti in Prefettura per l’utilizzo servizi pubblici

Si pubblica la comunicazione della Prefettura di Vicenza in merito alla possibilità di utilizzare i servizi pubblici degli esercizi commerciali/locali pubblici da parte di ambulanti.
anteprima_copia_1611044859000

APPELLO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA BUI E DEL PRESIDENTE ROSSI

“Per un efficace intervento a favore delle imprese colpite dal covid bisogna PASSARE DAI RISTORI AI RIMBORSI”

“Per le imprese all’estremo si passi da insufficienti ristori ai RIMBORSI: si devono superare gli interventi in bonus in base ai codici ateco e RIMBORSARE QUANTO EFFETTIVAMENTE PERSO DALLE IMPRESE NEGLI ULTIMI 10 MESI DEL 2020.
IL GOVERNO DEVE RIMBORSARE IN PERCENTUALE I MINORI RICAVI TRA I VOLUMI D’AFFARI 2019 E 2020. SOLO COSI’ AVREMO LA POSSIBILITA’ DI RILANCIARE LE NOSTRE PICCOLE IMPRESE.

Padova li 13 gennaio 2021
Nel Veneto e nella nostra provincia la situazione sanitaria ha raggiunto livelli di massima allerta. Sempre più a rischio è la salute e la stessa vita di nostri concittadini.
Sempre più evidente è la necessità di rispettare totalmente le regole per contenere la diffusione del virus, evitando contatti rispettando le distanze usando le mascherine e disinfettando le mani. La chiusura di esercizi pubblici, le limitazioni alle aperture dei negozi, dei centri commerciali dei mercati, il divieto di organizzare fiere eventi convegni ecc. se da un lato si tratta di provvedimenti obbligatori per evitare occasioni di assembramento e quindi di diffusione dei contagi, dall’altro ha messo in ginocchio la rete diffusa delle imprese che oltre a garantire i servizi alle persone e la distribuzione delle merci garantiscono anche la vivibilità delle nostre città. Continua a leggere

CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO CENTRI STORICI A PADOVA

Scadrà giovedì 14 gennaio 2021  la richiesta di contributo a Fondo perduto per le attività economiche del Centro Storico di Padova.

A CHI SPETTA
Hanno diritto ad ottenere il contributo le imprese in possesso di questi due requisiti:
1) commercianti, esercenti e imprese che ‘svolgono la loro attività’ nelle aree dei centri storici riconosciuti a norma dell’art.59 del D.L. 14 agosto 20.
Nel Veneto le città che hanno queste caratteristiche sono: PADOVA – VENEZIA -VERONA
I centri storici sono individuati dai piani urbanistici dei comuni e indicati come ZONA A o equipollenti. A titolo di esempio nella città di Padova l’individuazione della zona A corrisponde a grandi linee all’area all’interno delle mura trecentesche e interessa anche l’area del Prato della Valle. Il Bonus può essere richiesto quindi da tutti coloro che svolgono anche se per un solo giorno alla settimana o in base a contratti , la propria attività in queste aree. E’ il caso ad esempio di coloro che svolgono attività di trasporto pubblico non di linea (NCC ecc.) o per gli operatori del mercato di Prato della Valle e/o Piazza dei signori ma anche Fiera di Natale nel centro storico.
2) che abbiano una perdita di fatturato e dei corrispettivi riferito al mese di giugno 2020, superiore ad un terzo rispetto al mese di giugno del 2019. Per coloro che operano in più unità locali (ad esempio negozi nel centro storico ed in altre città, operatori del mercato titolare di concessione di uno o due giorni la settimana, NCC con contratti occasionali e simili) il confronto va fatto solo sui corrispettivi e fatturato relativo all’attività svolta nel centro storico). Continua a leggere

Crisi Covid: un imprenditore su due vede nero anche il 2021

Nicola Rossi : una crisi che si trascinerà ancora per mesi per le imprese del commercio e dei servizi alla persona.
6% delle imprese del settore pensano di chiudere i battenti entro l’anno. Imprese lasciate nella totale incertezza. Servono interventi immediati a ristoro delle perdite (sulle effettive perdite e non sui codici Ateco). Subito via a strategie anche territoriali per rilanciare l’economia e le imprese. Continua a leggere

UNA SEDIA PER VIAGGIARE. IL PROGETTO DI ACCOGLIENZA A VICENZA

Il Natale è il momento più ricco di eventi e di manifestazioni di tutto l’anno.

Per dare maggiore risalto alle attività commerciali del Centro Storico, Confesercenti del Veneto Centrale ha deciso di promuovere il progetto dell’architetto Paola Lanaro per creare, nel cuore di Vicenza, un’installazione artistica diffusa fatta di sedie di recupero.
Questo per trasmettere il senso di accoglienza della città e delle sue attività commerciali, attraverso il posizionamento di “sedie d’autore” ovvero sedi vecchie riconvertite in vere e proprie opere d’arte che accolgono il cittadino e il visitatore.
Continua a leggere

LOTTERIA DEGLI SCONTRINI : accolte in parte le richieste della Confesercenti -mini proroga al 1° febbraio 21. (probabilmente inserita nel decreto mille proroghe)

L’avvio della misura potrebbe essere spostato di un mese. Già prorogato l’adeguamento dei registratori telematici. Accolti dubbi di Confesercenti

L’avvio della lotteria degli scontrini potrebbe essere spostato al primo Febbraio. A dare l’indiscrezione è il Sole 24 Ore, secondo cui con l’approvazione del Decreto Milleproroghe il Consiglio dei Ministri del 23 dicembre avrebbe inserito una mini proroga al 1° febbraio 2021 con possibilità di segnalare gli esercenti che non permettono la partecipazione dal 1° marzo. Continua a leggere

“Adotta un negozio”

Adotta un negozio è una azione concreta partita dal 1 dicembre 2020, con la quale non vogliamo “aiutare” i negozi di vicinato fisici, ma si tratta di un vero e proprio progetto di valorizzazione e promozione delle peculiarità e della competitività del negozio fisico sotto casa.
Non è sufficiente continuare a ‘invitare’ a fare i propri acquisti nel negozio sotto casa , del proprio comune. Non si tratta di invitare i consumatori a dare una mano, bensì oggi vogliamo evidenziare le caratteristiche, le peculiarità, i vantaggi dell’acquisto sotto casa.

Non sarà un progetto che si fermerà con il Natale, ma proseguirà anche dopo. Continua a leggere