Evento Bologna 2 febbraio 2020: LeROSA Next

L’evento LeRosa Next organizzato da LeROSA, ha avuto come tema centrale il Gender Gap visto da una nuova prospettiva. Uguali opportunità per generi diversi.

Il progetto LeROSA, della SeoSpirito Società Benefit, ha come mission quella di contribuire al benessere femminile. Il claim del progetto è: ascoltare, collaborare e sorridere e questa promessa è stata mantenuta nel primo evento che ha visto come partecipanti LeROSA di tutta l’Italia. Oltre 100 donne e uomini, provenienti da tutta Italia, domenica 2 febbraio nella sala conferenze di Fico Eataly a Bologna, sono stati catturati per 7 ore dall’ascolto dei relatori che da prospettive diverse hanno approfondito tematiche valoriali sul tema delle uguali opportunità.

La collaborazione valoriale è ciò che può cambiare il futuro iniziando dal presente. Osservando in modo analitico le credenze limitanti, possiamo generare con le nostre azioni un cambiamento che troppo spesso invece si limita a parole e promesse mai mantenute. Consapevolezza, conoscenza, preparazione ma anche autostima e tempo per sé può aiutare sia le donne che gli uomini a superare i propri confini, perché come ha spiegato nello speach Salvatore Russo, la sola buona volontà non basta!

Evento Bologna: LeROSA Next, main event LeROSA

Ha aperto l’evento Giulia Bezzi, founder de LeROSA, alle sue spalle nel grande schermo una sua foto di lei da bambina con sua madre, per ricordarci che siamo la nostra storia, ma possiamo anche cambiarla in qualunque momento della nostra vita. Emozionata, ma con l’energia che la contraddistingue, ha spiegato il perché di questo progetto e del perché del LeROSA next. La voglia di contribuire all’azzeramento del gender gap attraverso l’esaltazione della differenza dei generi, per puntare all’uguaglianza delle opportunità, vale sicuramente più di un evento.

Come  relatori di questo incontro, si sono alternati sul palco professionisti e professioniste che hanno portato il proprio contributo, raccontando la propria storia personale e nuove visioni sul futuro. Il punto 5 dell’Agenda 2030 dell’ONU ha come obiettivo quello di realizzare l’uguaglianza di genere e migliorare le condizioni di vita delle donne.

Ma il Global Gender Gap Report 2020 realizzato dal World Economic Forum non è rassicurante su questo tema, sembra infatti che si debba attendere oltre 100 anni prima che si possa realizzare un gender gap pari a zero.
Nel corso dell’evento sono emersi degli spunti interessanti, chiari stimoli al cambiamento. Bisogna partire da noi per attivare il cambiamento se vogliamo accelerare i tempi. Iniziamo con il pensare che la diversità è un’opportunità, usciamo dalla logica delle lamentele, da tutte quelle paure che ci penalizzano e consideriamoci come persone prima che come uomini e donne.

Programma: LeROSA Next evento

Il programma dell’evento LeROSA Next è stato fitto di interventi interessanti e coinvolgenti. Diverse le voci per raccontare da prospettive differenti, autobiografiche o scientifiche, come la diversità sia a tutti gli effetti un valore. Assunta Corbo, Giornalista e Autrice, ha condotto l’evento partendo da un racconto autobiografico e dalla storia che l’ha portata oggi ad essere una portatrice sana di giornalismo costruttivo.

  • Salvatore Russo: event founder di &Love e uomo di comunicazione, ci ha come sempre dimostrato la sua  creativa lungimiranza e la sua innata capacità nel vedere le cose da prospettive non comuni, comunicate in una maniera estremamente efficace. Il suo intervento ha approfondito il tema della personal branding, comunicare se stessi evitando trappole e gabbie mentali.
  • Ilaria Bartolucci: Avvocato in Diritto Civile e Internazionale e Presidente della Camera Minorile di Padova, ha spiegato che cosa sono le società benefit e di come un nuovo modo di fare azienda, pensando al bene comune, nonostante rientri nella vigente legislazione, sia ancora ai più sconosciuto.
  • Katia Moretto: consulente finanziaria, ha illustrato che cosa significa “patrimonio”, regalando consigli utili e applicabili immediatamente su come vivere al meglio gestendo le proprie finanze e recuperando un po’ di cultura  finanziaria manchevole.
  • Liliana Di Donato: caporedattore News di Donna Moderna, con un racconto autobiografico, ha parlato del mondo femminile con gli occhi di chi lo conosce bene perché lo racconta da diverse angolazioni. Tra le sue parole rimaste indelebili nella nostra memoria: “Occorre una nuova narrazione della donna e noi giornalisti dobbiamo impegnarci per primi in questa direzione. Servono più storie di donne che ce la fanno e che possono dare speranza alle altreÈ vero che siamo molto lontani dal gender gap zero e che la cronaca ci restituisce fatti terribili sul tema della donna ma non possiamo dimenticare che stiamo conquistando spazi che non avevamo. E penso alla proroga della legge Golfo di Mosca, al raggiungimento della parità delle donne dello sport azzurro che diventano professioniste con un contratto o alla proposta di ampliare il congedo parentale suddividendolo tra madre e padre. Se non accade ovunque non dobbiamo viverlo come un fallimento”.

Esistono dei segnali tangibili del cambiamento in atto ma sono necessarie anche nuove consapevolezze da parte delle donne.

  • Fabiana Palù: Business Coach esperta in work life balance, attraverso poche e semplici regole, ha spiegato come vivere al meglio la propria condizione lavorativa, dando il giusto spazio a tutti, compreso a noi stessi.
  • Carla Scudellaro: ora formatrice aziendale, con una narrazione autobiografica, ha raccontato come il gender gap diventi ad un certo punto age-gap e come l’esperienza possa in realtà diventare una risorsa nella riqualificazione dopo i 50 diventando imprenditori di se stessi.
  • Nel Talk finale, con divertente ed intelligente ironia, sono state esaminate le tematiche della diversità osservata dal punto di vista delle scienze con Giuliano Trenti, docente e ricercatore presso l’Università di Trento e fondatore di Neuroexplore, e dal punto di vista delle reazioni emozionali con Mara Carraro, counsellor. Nel Talk hanno partecipato anche Giulia Bezzi e Salvatore Russo che hanno portato la loro esperienza come colleghi di lavoro e soci.
  • Diego Leone, nell’intervista vis a vis con Salvatore Russo, ha raccontato la sua esperienza di editore di DoItHuman, casa editrice per scrittrici emergenti, ma soprattutto ha spiegato perché ha deciso di diventare sponsor e partner di un progetto come LeRosa.
  • Così, anche Alberto Riolfo presidente di Web Sonica, web agency partner de LeROSA.
  • Ha chiuso gli interventi Giulia Belluco, giocatrice della Valsugana Rugby, raccontando i valori di uno sport come il suo, uno sport di forza, vissuto da una squadra di ragazze. Giulia ha spiegato come il terzo tempo, la collaborazione e l’amicizia siano necessari per la riuscita di ogni progetto.

Nello sport come nella vita, nel rugby come ne LeROSA.

Fonte https://www.lerosa.it/eventi/evento-bologna-2-febbraio-2020-lerosa-next?fbclid=IwAR0XJL4fmc4PeHMA02yqBE3zlwHaR1TXkmbYrcMxN0WyleV0pkx42GYcWtY

2 commenti

Trackbacks & Pingbacks

I commenti sono chiusi.