Articoli

VENETO ARANCIONE, CONFESERCENTI: SITUAZIONE GRAVISSIMA

Contributo a fondo perduto per attività economiche e commerciali nelle zone A o equipollenti dei comuni ove sono situati santuari religiosi

Si tratta di una domanda che va presentata tramite apposito modulo su sito agenzia Entrate e si riferisce a tutte le imprese che hanno questi requisiti:

-l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di giugno 2020 realizzati nelle zone A o equipollenti dei comuni ove sono situati santuari religiosi è inferiore ai due terzi dell’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di giugno 2019.

Per i soggetti che hanno iniziato l’attività a partire dal 1° luglio 2019 nelle zone A o equipollenti dei comuni di cui al comma 1 dell’articolo 59 del decreto, il contributo spetta anche in assenza della predetta condizione.

Le domande vanno presentate dal 9 settembre all’8 novembre 2021.

 

Si rimette anche il link dell’agenzia delle entrate:

https://www.agenziaentrate.gov.it/portale/web/guest/-/provv-8-settembre-2021-cfp-santuari

 

NON è rivolta ai ristoratori che abbiano già presentato domanda per il contributo a loro dedicato con il D.L. di agosto 2020 (art.58)

 

per info: Chiara Dani c.dani@cdvc.it

Come affrontare il cambiamento : 18 webinar “Managing changes”

18 webinar, 18 ospiti diversi, ma un’unico obiettivo: presentare strumenti e metodi per gestire i cambiamenti, con un approccio proattivo e flessibile.
Il cambiamento, legato al concetto di innovazione, deve diventare non solo un processo per introdurre nuovi prodotti o servizi o per adottare nuove tecnologie, ma la cultura stessa dell’impresa/professione, aderente alle necessità implicite nel modello di smart economy, e ad uno scenario economico imprevedibile e in costante evoluzione.

Continua a leggere

webinar “Andrà tutto bene: la resilienza e i suoi alleati”

Il buongiorno si vede dal mattino e quale modo migliore per iniziare la giornata se non seguendo le dirette “la resilienza e i suoi alleati”?

Al giorno d’oggi diventa fondamentale il concetto di resilienza, ossia la capacità di reagire ai cambiamenti esterni, anche violenti, e di beneficiare di queste sollecitazioni per rendersi più adatti alla competizione, metabolizzando il cambiamento e trasformandolo attivamente e positivamente in nuove proposte. Tuttavia, avere un alto livello di resilienza non significa essere infallibili ma essere disposti al cambiamento, a pensare di poter sbagliare e quindi di potersi correggere. Continua a leggere

QUANDO BISOGNO E BUSINESS INCONTRANO WELFARE E INNOVAZIONE

Appuntamento a Montagnana durante la festa Montananese in Fiera, per parlare di tema welfare e servizi.

Venerdì 04 ottobre a partire dalle 14.30 vi aspettiamo a Castel San Zeno, Piazza Trieste, Corte d’Armi.
QUANDO BISOGNO E BUSINESS INCONTRANO WELFARE E INNOVAZIONE
I temi saranno dall’innovazione sociale in termini di opportunità di crescita per le aziende. Nuove idee di prodotto e servizi legate al Welfare ed alla formazione al fine di ottimizzare l’uso delle risorse e di garantire un miglioramento sociale. Continua a leggere

L’AUMENTO DELLE ALIQUOTE IVA SAREBBE UNA ULTERIORE STANGATA

L’eventuale incremento delle aliquote IVA dal 10 al 13% e dal 22 al 25% comporterà un aggravio di tasse per le famiglie Padovane di oltre 295 milioni € ed inciderà nelle vendite al dettaglio per oltre 143milioni €.
Un ulteriore batosta al commercio che potrebbe portare alla chiusura di almeno 200 esercizi nella provincia.
A calcolarlo è l’Osservatorio Economico della Confesercenti del Veneto Centrale, provincia di Padova, che sulla scorta della ripartizione della spesa delle famiglie Venete (dati ISTAT 2018) ha calcolato l’incidenza percentuale dell’incremento del costo per beni e servizi soggetti ad aliquota del 10 e del 22%.
Continua a leggere

60MILA EURO PER LE NUOVE IMPRESE

Confesercenti investe sulle imprese del territorio padovano con un fondo di 60mila euro. L’iniziativa rientra nell’ambito del progetto Sun City di Cescot Veneto e permetterà di selezionare fino a sei idee progettuali per l’avvio di una nuova impresa.
Nella selezione, saranno privilegiate le start up che puntano sull’economia collaborativa. Imprese che credono in una cultura della condivisione e di valorizzazione del luogo in cui si insediano. Il finanziamento servirà a coprire il 100% degli oneri burocratici (spese di registrazione, notaio, tasse camerali ecc) e fino al 70% dei costi per avviare materialmente l’attività (canone di locazione, attrezzature, mobilio ecc). Inoltre, sarà possibile avvalersi delle agevolazioni per riaprire negozi chiusi o sfitti di Padova attraverso l’iniziativa del Comune «Riapriamo con te!».

Gli interventi

«Un contributo a fondo perduto a favore delle imprese che apriranno nella città di Padova» spiega il direttore Maurizio Francescon. «E’ un intervento straordinario, che ci permette di intervenire in maniera consistente in favore delle imprese. Oggi è cresciuta di molto l’attenzione nei confronti delle aree urbane: c’è molta attenzione per quanto riguarda l’ambiente ma anche per la salvaguardia di un patrimonio storico, culturale e perché no, anche economico rappresentato dai centri storici e dai quartieri. E questo è l’obiettivo strategico su cui anche noi vogliamo lavorare. Confesercenti nasce per rappresentare esclusivamente le piccole e piccolissime imprese, quindi lavoriamo per promuovere le imprese che già operano nel centro e nei quartieri. Vogliamo che i protagonisti della rigenerazione siano coloro che già ci sono».

«Il sostegno alle nuove attività che apriranno a Padova» continua Marco Serraglio, Cescot Veneto «si inserisce tra le azioni del progetto sociale Europeo Sun City, di cui sono partner anche il Comune e la Camera di Commercio. Prevede workshop, iniziative per la cittadinanza e attività di ricerca accademica. In particolare, per la ricerca sono stati stanziati 130mila euro, grazie ai quali alcuni ricercatori stanno lavorando sui temi che collegano rigenerazione urbana ed inclusione sociale. Il territorio in esame è quello padovano, con particolare attenzione per l’Arcella, piazza De Gasperi, piazzetta Gasparotto ed una parte del Portello. L’attività di ricerca si concluderà a giugno e in quel periodo saranno presentati i risultati».

Il Comune

«Come Comune» aggiunge Antonio Bressa, assessore al Commercio e alle attività produttive del Comune di Padova, «avevamo già avviato il progetto “Riapriamo con te”. Un progetto con il quale diamo un contributo pari alle imposte comunali del primo anno per chi riapre uno spazio commerciale chiuso da più di un anno. Questo importante intervento di Confesercenti va nella direzione di stimolare nuove aperture, magari piccole realtà che tuttavia per noi sono importanti. Il fatto di avere accanto alla grande distribuzione anche piccole attività influisce sul tessuto sociale, ci permette di avere un presidio di qualità della vita all’interno dei nostri quartieri». (continua)

La Camera di Commercio

«Recuperare le periferie è un tema di grande interesse» conclude Antonio Santocono, presidente della Camera di Commercio di Padova. «Anche noi, come Camera di Commercio, abbiamo già inserito nel bilancio 2019 dei fondi per la rigenerazione urbana. L’iniziativa di Confesercenti è di grande valore perché coniuga rigenerazione e innovazione. Due aspetti che insieme possono dare opportunità di lavoro da una parte e di miglioramento della qualità della vita dall’altra».

NON SERVONO NUOVE TASSE, MA UN PIANO PER LA CRESCITA

Le prospettive dell’economia tornano a preoccupare gli italiani. Un progressivo deterioramento del clima di fiducia già evidente da qualche mese tra le imprese, e che inizia a manifestarsi anche tra i consumatori. Così Confesercenti commenta le rilevazioni Istat di febbraio sulla fiducia di imprese e di consumatori.

A febbraio l’indice dei consumatori si colloca sul livello più basso negli ultimi 18 mesi. Un risultato su cui pesa evidentemente l’incubo recessione. La raffica di revisioni al ribasso delle previsioni di crescita dell’economia ha portato ad una revisione del giudizio delle famiglie sul clima economico e su quello corrente. Queste sono le due componenti del clima di fiducia dei consumatori che registrano le flessioni più consistenti. Continua a leggere

NASCE CONFESERCENTI IMMAGINE E BENESSERE

Nasce Confesercenti Immagine e benessere. Una nuova categoria di piccole e medie imprese per dare voce alle oltre 180mila imprese che operano nel settore dello stile e del wellness. Dagli acconciatori ai make up artist, passando per gli specialisti dell’estetica e dei servizi per il benessere della persona. È questo l’obiettivo di Confesercenti Immagine e Benessere, il nuovo soggetto costituito per dare rappresentanza e servizi agli operatori di un settore tra i più dinamici dell’economia italiana. Continua a leggere