Tag Archivio per: turismo

Dichiarazione imposta di soggiorno: proroga scadenza al 30 settembre

Facendo seguito alla precedente comunicazione, si avvisa che per effetto delle novità previste dal Decreto Semplificazioni, la scadenza per la dichiarazione dell’imposta di soggiorno, passa dal 30 giugno al 30 settembre 2022. Ci sono quindi tre mesi in più per l’invio dei dati del 2020 e del 2021, utilizzando il modulo, le istruzione e le specifiche tecniche forniti dal MEF.

La dichiarazione dell’imposta di soggiorno dovrà essere trasmessa cumulativamente per gli anni 2020 e 2021 al fine dell’indicazione, da parte dei gestori di strutture così come i percettori di redditi da locazioni brevi, delle informazioni relative all’imposta versata.

Continua a leggere

Assoturismo-CST: città d’arte protagoniste dell’estate. Previste 27,4 milioni di presenze tra giugno e agosto

Il turismo culturale riparte più velocemente di tutti gli altri segmenti (+24,6% sul 2021), grazie al ritorno degli stranieri (+34%). E dà una spinta ai consumi: +9,1 miliardi nei primi 8 mesi dell’anno, l’1,4% del totale nazionale. Ma la corsa delle bollette pesa sui margini delle imprese

La grande bellezza del patrimonio culturale italiano torna a conquistare visitatori stranieri e domestici. E le città d’arte si candidano al ruolo di protagoniste dell’estate: tra giugno e agosto sono previsti 27,4 milioni di presenze, oltre 5,5 milioni in più rispetto al 2021. Un boom dovuto soprattutto al ritorno dei turisti dall’estero: le presenze turistiche straniere dovrebbero essere oltre 17,5 milioni, il 34% in più rispetto alla scorsa estate. Continua a leggere

Dichiarazione Imposta di Soggiorno – Obbligo dichiarazione annuale

Con le modifiche apportate dal Decreto Legge 34/2020 alla normativa precedente, il legislatore ha introdotto l’obbligo di presentare una dichiarazione annuale. Sono tenuti sia le strutture ricettive, che le locazioni brevi.

Continua a leggere

Turismo: webinar di approfondimento a Tripadvisor

TURISMO: ASSOTURISMO E TRIPADVISOR INSIEME PER UN WEBINAR DI APPROFONDIMENTO SU RILANCIO DEL COMPARTO E POTERE DELLE RECENSIONI ONLINE

Rilancio del turismo e potere delle recensioni online. Ne discuteranno insieme, in una collaborazione inedita, Assoturismo Confesercenti e Tripadvisor durante un webinar di approfondimento sullo stato attuale del comparto turistico e la forza propulsiva delle recensioni di Tripadvisor. Continua a leggere

Continua a leggere

La consultazione pubblica per la revisione della Direttiva del 2015 sui pacchetti turistici e servizi turistici collegati, con cui la Commissione europea chiede a cittadini, imprese ed a tutti i portatori di interessi a livello europeo di esprimere il proprio punto di vista, è fondamentale per migliorare il testo, per continuare a garantire un elevato livello di protezione dei viaggiatori e ritrovare un giusto equilibrio con il mondo del turismo, soprattutto quando questo è colpito da gravi crisi e situazioni straordinarie. Continua a leggere

Webinar “Turismo: ristorazione e somministrazione nuovi metodi per fare innovazione dopo la pandemia”

Il COVID-19 ha portato le attività a doversi reinventare per adeguarsi a uno stile di vita differente. Le attività di ristorazione e somministrazione sentono sempre più il bisogno di nuovi metodi per innovarsi e attirare clientela.

L’utilizzo delle nuove tecnologie e soprattutto dei social media diventa così di fondamentale importanza.

Scopriamo insieme in questo webinar come i pubblici esercizi e il settore del turismo in generale possono fare innovazione.

Con Luca Baldo

Lunedì 20 dicembre alle ore 21.00 su Google Meet 

La partecipazione è completamente gratuita ma obbligo di prenotazione QUI

Tornano i turisti, anche italiani. A Ferragosto alberghi pieni per l’80%

Segnali positivi dal mondo del turismo: il mese di luglio è andato bene, con circa il 70% delle camere occupate in modo quasi costante. E agosto sta mantenendo il trend positivo: per il prossimo fine settimana le camere occupate nella provincia di Padova raggiungeranno l’80%, con probabile tutto esaurito nella zona termale. Secondo il portale Booking.com, che copre 44 dei 76 alberghi di Abano, per il 14 e 15 agosto sono infatti già occupati il 90% degli alloggi disponibili.

Alberghi pieni all’80%

L’Osservatorio Economico della Confesercenti del Veneto Centrale ha analizzato i dati resi disponibili dalle principali olta (online travel agency), da cui risulta che ad una settimana da Ferragosto sono già occupate, nella provincia di Padova, circa il 70% delle camere. Ma quest’anno le prenotazioni viaggiano sul last minute, se non sul last second: la previsione, quindi, è che anche per sabato 14 e domenica 15 si arriverà (o supererà) l’80% di camere occupate. Il fatturato atteso è pari a 3,5 milioni di euro.

Tanti arrivi, ma permanenza breve

Difficile fare un confronto con il 2020, visto che l’anno scorso molte strutture non hanno mai riaperto. E ancora appare lontano il giro turistico a cui il settore ricettivo era abituato prima della pandemia: «la vera differenza – spiega Simonetta Fincato, referente Assohotel Confesercenti e titolare dell’Hotel Eden, in via Cesare Battisti – sta nel fatto che la permanenza si è molto accorciata. Prima le famiglie si fermavano da 2 a 3 notti, mentre ora Padova è diventata un crocevia. Il nostro è un albergo del centro con una clientela abbastanza definita, ma anche i colleghi che gestiscono alberghi più grandi e con clienti più diversificati mi confermano la tendenza. Le persone prenotano all’ultimo momento, e si fermano per lo più per una sola notte. In altre parole gli arrivi sono buoni, ma le presenze sono ancora in forte calo.

Per quanto riguarda la provenienza, abbiamo svizzeri, austriaci, belgi, francesi, olandesi, bulgari. Pochissimi i tedeschi. In controtendenza con la tradizione, poi, abbiamo anche molti italiani che evidentemente quest’anno hanno scelto il turismo di vicinato». Il Green Pass? «Nessun effetto sulle prenotazioni» assicura Fincato «cancellazioni non ne abbiamo avute, solo richieste di chiarimento: molte persone hanno telefonato per avere informazioni».

Rossi: speriamo nell’effetto Unesco

Ancora presto anche per vedere gli effetti del recentissimo ingresso della Padova dell’affresco nel patrimonio mondiale Unesco. Ma la speranza è che questo grande successo dia i suoi frutti anche sul piano economico: «Quello che abbiamo appena festeggiato» ricorda Nicola Rossi, presidente della Confesercenti del Veneto Centrale «è un grande traguardo, che porterà con sé non solo molto prestigio. Ma anche un indotto economico importante: si stima infatti che i turisti in arrivo possano aumentare di circa 300mila unità (la media annua è di 1,2 milioni), con una spesa complessiva attesa intorno al 90-100 milioni di euro. Si tratta chiaramente di una previsione, ma fondata.

A Matera, infatti, nel 2019 l’afflusso turistico è aumentato del 33%. E dai 49 milioni di euro investiti nel programma culturale della Capitale Europea della Cultura, si è generato un impatto economico complessivo di 91 milioni. Padova ha davanti una grande sfida, e confidiamo di poterla vincere».

Veneti in vacanza: oltre il 70% è in procinto di partire

L’Osservatorio Economico Confesercenti presenta il report regionale: il mese più ambito è agosto, le mete balneari sono al primo posto tra le preferenze. Circa il 36% degli intervistati rimarrà in regione e oltre l’80% partirà vaccinato

Mattiazzo (Assoturimo): buoni presupposti per la ripresa, il Veneto è covid free

Continua a leggere

Turismo: Stefano Fanton (Aigo Confesercenti) scrive all’assessore Caner

L’Aigo (Associazione italiana gestori dell’ospitalità) esprime forti perplessità sull’apertura ai viaggi all’estero e presenta alcune azioni necessarie per promuovere il turismo locale, in forte sofferenza. A seguire la lettera del presidente Stefano Fanton all’assessore regionale Caner.

Continua a leggere

Stefano Fanton ANVA

Aigo: strutture extralberghiere allo stremo

«Il turismo in Veneto» dichiara Stefano Fanton, presidente di Aigo Confesercenti del Veneto Centrale, «versa in una situazione di gravissima difficoltà. Le strutture ricettive extralberghiere sono state enormemente penalizzate, come tutto il comparto del turismo, perché l’assenza totale del turismo estero per un anno ha comportato una riduzione enorme dei volumi di lavoro. Allo stesso tempo, anche il turismo interno italiano, ha subito una forte riduzione in quanto si è visto concretamente solo nella fase centrale del 2020. Secondo i dati ISTAT il comparto alberghiero è quello in maggiore sofferenza: le presenze registrate nei primi nove mesi del 2020 sono meno della metà (il 46%) di quelle rilevate nel 2019, mentre quelle del settore extraalberghiero il 54,4%».

Continua a leggere