Articoli

Seminario conviviale dedicato al progetto Memorabilia

Giovedì 29 luglio seminario conviviale organizzato da Cescot Veneto e dedicato al progetto Memorabilia. L’incontro è rivolto esclusivamente a titolari di bottega, dipendenti, lavoratori e apprendisti occupati in Veneto. Si svolgerà presso l’Osteria Sucabaruca, in Via Palestro 29 a Padova. Prenotazione obbligatoria su EventBriteContinua a leggere

Cristina Giussani rieletta alla presidenza di Confesercenti Veneto

È stata eletta alla Presidenza di Confesercenti Veneto, per il suo secondo mandato, Cristina Giussani, imprenditrice veneziana già ai vertici di Confesercenti Venezia Rovigo.

Continua a leggere

“Un’occasione meravigliosa”: la testimonianza di Carolina Tessarollo sul progetto “Meantime”

Condividiamo con molto piacere la lettera di Carolina Tessarollo,  giovanissima imprenditrice che ha aderito al progetto “Meantime”, promosso nell’ambito del Distretto del Commercio di Cittadella per incentivare il recupero dei vuoti commerciali e rilanciare il mercato delle locazioni. Per Carolina l’esperienza è stata molto positiva, tanto che ora sta pensando di far diventare stabile il suo negozio temporaneo. Ecco la sua testimonianza.

Continua a leggere

Corte dei Bissari: tornare indietro per andare avanti

Oggi l’ultimo appuntamento del ciclo d’incontri dedicato dalla Confesercenti di Vicenza alla mobilità cittadina: partecipa l’architetto Franco Stella, che dalle antiche foto di piazza dei Bissari ha elaborato una proposta innovativa

Tornare all’antico per guardare al futuro: è questa la proposta presentata dall’architetto Franco Stella (autore di numerosi e prestigiosi progetti in Italia e all’estero) insieme alla Confesercenti di Vicenza, che ha presentato oggi l’ultimo del ciclo di incontri dedicati alla mobilità vicentina. L’appuntamento odierno è dedicato alla Corte dei Bissari, luogo che nel tempo ha subito molte trasformazioni.

Continua a leggere

Sopralluogo al mercato dell’Arcella con l’assessore Bressa

Questa mattina il Direttore della Confesercenti del Veneto Centrale, Greta Imbrunito, ha visitato il mercato rionale di San Carlo (Arcella) insieme all’assessore al Commercio Antonio Bressa e il funzionario Anva Confesercenti Sergio Boggian. Il sopralluogo, scattato in seguito alle segnalazioni dei commercianti stessi, era mirato a verificare le caratteristiche qualitative di alcuni posteggi e, più in generale, che il mercato si svolgesse in modo ordinato e nel pieno rispetto delle normative anti-Covid. Con l’occasione il Direttore Imbrunito ha voluto sottolineare che, «in un momento particolare come questo, è fondamentale valorizzare gli spazi del commercio di vicinato, che in questo periodo difficile da dimostrato una volta in più il suo ruolo fondamentale per i quartieri. Il mercato, come recita uno dei nostri motti, è un centro commerciale naturale, luogo non solo di vendita ma anche di socialità e d’incontro. Abbiamo in mente un progetto di riqualificazione del commercio ambulante cittadino – annuncia infine il Direttore Imbrunito – lo presenteremo entro il 16 di giugno». Continua a leggere

Rossi-2020

Riapertura, spostare il coprifuoco per recuperare 30 mln di consumi

La flessione dei consumi nei primi mesi del 2021 era, purtroppo, largamente attesa. Secondo l’Osservatorio Economico Confesercenti, dall’entrata del Veneto in zona rossa (il 19 dicembre 2020) al ritorno (si spera definitivo) in zona gialla, commercianti e ristoratori padovani hanno perso quasi 225 milioni di euro.

Ora l’obiettivo è rilanciare l’economia e i consumi, ritornando gradualmente alla normalitàServe una svolta rapida nelle riaperture delle attività in sicurezza, che possono dare una forte spinta alla ripresa economica ed una iniezione di fiducia alle famigliedue ore di aperture serali a tutto campo dei pubblici esercizi valgono, in un mese, circa 30 milioni di euro. Continua a leggere

YES I STARTUP: sei imprese innovative fondate da giovani under 30 in partenza grazie a Confesercenti del Veneto Centrale

In un periodo come quello attuale, che vede il mondo del lavoro in profonda crisi e numerose attività a rischio chiusura, Confesercenti “mette le ali” a sei giovanissimi aspiranti imprenditori. Ragazzi con meno di trent’anni che hanno una propria idea d’impresa e sono disposti a mettersi in gioco per realizzarla.

Continua a leggere

Meantime

Meantime – open day in Galleria Mantegna (Cittadella)

Sabato 8 maggio 2021 open day del progetto di rigenerazione urbana lanciato da Confesercenti e Cescot con il Comune di Cittadella, per rivitalizzare gli sfitti commerciali del centro storico

Dall’ospedale degli orsetti al cucito creativo, dal mercatino dell’usato all’arredo casa. E c’è anche una mamma che si è reinventata creativa per bambini, aprendosi una seconda chance nel mondo del lavoro. Sono tre, per ora, le vetrine che riapriranno, nel centro storico di Cittadella grazie al progetto Meantime, proposto da Cescot Veneto (Centro Studi di Confesercenti), insieme al Comune di Cittadella.

Continua a leggere

In partenza a maggio il progetto “Abano brand new shopping”

Un territorio non è solo uno spazio geografico: è fatto di storia, cultura, tradizioni, peculiarità che lo rendono unico e irripetibile. E questo vale tanto più per un’area come quella termale di Abano, Montegrotto e Battaglia, uniche nel loro genere grazie al patrimonio di risorse naturali e culturali che le hanno rese un centro d’eccellenza a livello internazionale.

Da queste premesse nasce il progetto “Abano Brand new shopping – Il valore del territorio protagonista del tuo marketing”, promosso dal Distretto del commercio delle Terme Euganee. Un percorso che mira a promuovere i prodotti delle attività economiche locali attraverso la valorizzazione del territorio in cui sorgono.

Continua a leggere

Da oggi in zona gialla, ma il 60% dei ristoratori non può riaprire

Drammatico il bilancio dei mesi di chiusura: in 126 giorni persi 225 milioni. Nella provincia di Padova i pubblici esercizi hanno perso un milione al giorno, il comparto moda ha bruciato nell’insieme 98 milioni

Bene il ritorno in zona gialla e i primi passi verso la riapertura, ma in realtà dalla questa settimana non cambia quasi nulla: i ristoratori che hanno a disposizione plateatici o terrazze sono circa il 40% del totale, quindi il rimanente 60% non può riaprire. E il bilancio degli ultimi mesi è già drammatico. A diciotto settimane dal 19 dicembre 2020 (data di ingresso del Veneto in zona rossa) commercianti e ristoratori padovani hanno perso quasi 225 milioni di euro. Secondo le indagini dell’Osservatorio Economico Confesercenti, infatti, a tanto ammonta il “rosso” dopo 126 giorni di coprifuoco e restrizioni. Ibilancio economico della pandemia è pesantissimo, perché alle morti per malattia, alla sofferenza di chi ha contratto il virus o ha dovuto affrontare la solitudine, si aggiunge la disperazione di migliaia di lavoratori in grave difficoltà. Fra questi ci sono gli imprenditori, a cui le chiusure per decreto sono costate carissime.

Continua a leggere